Archivio | Uncategorized RSS feed for this section

ZUBIN MEHTA E MAURIZIO POLLINI

7 Mag

7 Maggio 2019 ore 20
Serata a favore della Fondazione Saint Francis Home – Pathankot, India
Orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala

 

 

 

Direttore Zubin Mehta
Pianoforte Maurizio Pollini
PROGRAMMA
Ludwig van Beethoven
Egmont

Ouverture op. 84

Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto n. 23 in la magg.

per pianoforte e orchestra

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 7 in la magg. op. 92

La Fondazione Saint Francis Home è nata nel 2004 a Pathankot, nella regione indiana del Punjab, per iniziativa di Alexander Pereira e Zubin Mehta con l’obiettivo di offrire assistenza alle bambine disabili.

La Fondazione è sorta in un’area di estrema povertà in cui il destino di chi nasce disabile è segnato dalla fame e dalle malattie e le probabilità di sopravvivenza sono scarse.

La Fondazione ha sostenuto la costruzione del Centro di riabilitazione Saint Francis Home e di un alloggio per 60 bambine cui si è aggiunta una scuola frequentata dalle stesse bambine e da altri 85 ragazzi e ragazze.

Notizie

7 Mag

 

 

 

 

A Pavia dal 18 al 26 maggio 2019 il Festival di Musica Sacra.

Per i dettagli: https://www.apemusicale.it/joomla/news/47-news2019/7795-pavia-il-festival-di-musica-sacra-2019

In particolare il 18 nella Chiesa del Carmine Zubin Metha dirigerà la Messa in do minore K427 di Mozart , ore 20,30; il 20 maggio, sempre Metha dirigerà la sinfonia n°8 di Bruckner nel Duomo di Pavia alle 20.30

Il 25 e 26 maggio Riccardo Muti dirigerà la Missa defunctorum di Paisiello con l’orchestra Cherubini nel Duomo di Pavia alle ore 20.45

Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito. Per i concerti del 25 e 26 maggio è obbligatorio il ritiro del biglietto (non più di due a persona) presso il Teatro Fraschini a partire dal giorno 18 maggio, tutti i giorni del festival, dalle 11.00 alle 13.00 fino ad esaurimento dei posti disponibili.

______________________________________________________________________________________________________________

A Milano nasce LaFil con Daniele Gatti:

 

 

 

 

UNA NUOVA ORCHESTRA CHE UNISCE GIOVANI PROMESSE E MUSICISTI AFFERMATI DELLE PRINCIPALI ORCHESTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI (https://www.apemusicale.it/joomla/news/47-news2019/7792-milano-nasce-lafil-filarmonica-di-milano)

Debutto il 31 maggio a Milano al Palazzo delle Scintille a CityLife con Daniele Gatti sul podio

In programma nel 2019 l’integrale delle sinfonie di Schumann e Brahms e concerti di musica da camera presso le Gallerie d’Italia – Piazza della Scala

Solisti d’eccezione: il violinista Frank Peter Zimmermann e il violoncellista Jan Vogler

Milano– 31 maggio; 1 e 2 giugno; 25 e 27 ottobre; 1 e 3 novembre

Sestri Levante – 19, 20, 24, 27 e 28 luglio; Milano– Evento conclusivo di BookCity 17 novembre

http://www.lafil.com  (biglietti gratuiti per i primi due concerti da richiedere sul sito previa registrazione)

___________________________________________________________________________________________________

E infine una notizia triste: è morto ieri, 6 maggio 2019, Giannino Tenconi, a lungo presidente dell’Associazione Amici del Loggione e cofondatore dell’Orchestra Verdi (http://www.laverdi.org/it/news/2019-05-06/lutto-per-la-scomparsa-di-giannino-tenconi)

Zubin Mehta

3 Mag

Dal 3 all’11 Maggio 2019
Filarmonica della Scala
Direttore Zubin Mehta
PROGRAMMA
Anton Bruckner Sinfonia n.8 in do min. (versione 1890)

Filarmonica della Scala

29 Apr

29 aprile 2019

Milano, Teatro alla Scala

 

 

 

 

 

 

 

Direttore Riccardo Chailly
Violino Emmanuel Tjeknavorian
Jean Sibelius
Finlandia, poema sinfonico op. 26
Jean Sibelius
Concerto per Violino e Orchestra in re min. op. 47
Johannes Brahms
Sinfonia n. 1 in do min. op. 68

Ariadne auf Naxos

23 Apr

Dal 23 Aprile al 22 Giugno 2019
Richard Strauss
Durata spettacolo: 2 ore e 25 minuti incluso intervallo

Orchestra del Teatro alla Scala

Nuova produzione Teatro alla Scala

Direttore Franz Welser-Möst
Regia Frederic Wake-Walker
Scene e costumi Jamie Vartan
Luci Marco Filibeck
Video Sylwester Łuczak e Ula Milanowska

 

 

 

 

 

 

CAST
Der Haushofmeister Alexander Pereira
Ein Musiklehrer Markus Werba
Der Komponist Daniela Sindram
Der Tenor / Bacchus Michael Koenig
Ein Offizier Riccardo Della Sciucca*
Ein Tanzmeister Joshua Whitener
Ein Perückenmacher Ramiro Maturana*
Ein Lakai Hwan An*
Zerbinetta
Sabine Devieilhe (23, 26, 28, 30 apr.; 2, 5 mag.)

Daniela Fally (19, 22 giu.)

Ariadne
Krassimira Stoyanova (23, 26, 28, 30 apr.; 2, 5 mag.)

Tamara Wilson (19, 22 giu.)

Harlekin
Thomas Tatzl (23, 26, 28, 30 apr.; 2, 5 mag.)

Gabriel Bermúdez (19, 22 giu.)

Scaramuccio Kresimir Spicer
Truffaldin Tobias Kehrer
Brighella Pavel Kolgatin
Najade Christina Gansch
Dryade Anna-Doris Capitelli*
Echo Regula Mühlemann
*Allievi dell’Accademia Teatro alla Scala

L’OPERA IN POCHE RIGHE

Il passo più ardito e riuscito della coppia Richard Strauss – Hugo von Hofmannstahl nel campo dell’esplorazione metateatrale torna con la sua tavolozza di divertimento, dottrina compositiva e schietta commozione in una nuova regia di Frederic Wake-Walker, giovane talento britannico che della varietà dei linguaggi teatrali ha fatto una cifra distintiva. Prosegue così, sotto la sicura guida musicale di uno straussiano di riferimento come Franz Welser-Möst, un cammino straussiano che dopo Der Rosenkavalier diretto da Zubin Mehta ed Elektra diretta da Christoph von Dohnányi proseguirà nel 2019 con Die ägyptische Helena e nelle prossime stagioni con Salome. Nella parte del Soprano/Ariadne si alternano Krassimira Stoyanova, ormai amatissima dal pubblico milanese, e Tamara Wilson, artista di casa al Metropolitan che ha debuttato con i complessi scaligeri nel recente Requiem verdiano diretto da Riccardo Chailly. Zerbinetta è il soprano di coloratura più ricercato del nostro tempo, Sabine Devieilhe, mentre Michael Koenig è Tenore/Bacchus e Markus Werba Musiklehrer. Nella parte parlata dell’Haushofmeister debutta sul palcoscenico scaligero il Sovrintendente Alexander Pereira.

Filarmonica della Scala – Fabio Luisi

1 Apr

1 aprile 2019
– ore 20.00
Milano, Teatro alla Scala

Direttore Fabio Luisi

 

 

 

 

 

 

Carl Maria von Weber
Oberon, Ouverture
Anton Bruckner
Sinfonia No. 7 in mi maggiore.
Tra i direttori della famiglia Filarmonica c’è sicuramente Fabio Luisi che nelle ultime stagioni ha impaginato alcuni dei programmi più apprezzati, tracciando un profilo illuminante del sinfonismo tedesco, da Schubert a Richard Strauss, da Weber a Schönberg. Il nuovo capitolo del suo percorso approda a Bruckner con la Settima Sinfonia. In apertura di cooncerto l’ouverture da Oberon di Weber. Il programma sostituisce l’annunciata Ottava Sinfonia di Bruckner. Ringraziamo il Maestro Luisi per aver accettato di modificarlo in segno di stima e affetto verso il maestro Zubin Metha che ha scelto di dirigere l’Ottava per il suo rientro alla Scala in maggio.

MANON LESCAUT

31 Mar

Dal 31 Marzo al 27 Aprile 2019
Giacomo Puccini
Durata spettacolo: 2 ore e 25 minuti incluso intervallo

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Nuova produzione Teatro alla Scala

 

 

 

 

 

 

 

 

La Prima del 31 marzo verrà trasmessa in diretta radiofonica su RAI-Radio3. La registrazione dell’opera verrà trasmessa l’11 aprile su Rai5.

Direttore Riccardo Chailly
Regia David Pountney
Scene Leslie Travers
Costumi Marie-Jeanne Lecca
Coreografia Denni Sayers
Luci Fabrice Kebour
CAST
Manon Maria José Siri
Lescaut Massimo Cavalletti
Des Grieux
Marcelo Álvarez (31 marz; 3, 6, 9, 16, 19, 27 aprile)

Roberto Aronica (13, 24 aprile)

Geronte Carlo Lepore
Edmondo / Il maestro di ballo / Lampionaio
Marco Ciaponi (31 marz; 3, 6, 9, 16, 19, 27 aprile)

Alessandro Scotto Di Luzio (13, 24 aprile)

L’Oste Emanuele Cordaro
Un Musico Alessandra Visentin
Sergente degli arcieri Daniele Antonangeli
Un Comandante di Marina Gianluca Breda
Musici Barbara Lavarian, Roberta Salvati (sop. primi)
Silvia Spruzzola (sop. secondo)
Julija Samsonova, Maria Miccoli (contralti)

L’OPERA IN POCHE RIGHE

La passione pucciniana di Riccardo Chailly ha accompagnato tutta la sua carriera toccando i maggiori teatri d’Europa. Alla Scala questo percorso è sfociato in un progetto organico di proposta dei titoli maggiori ripensati alla luce delle ricerche musicologiche più aggiornate. L’apertura di Expo ha coinciso con la prima scaligera di Turandot con il finale di Luciano Berio, cui sono seguite La fanciulla del West nell’orchestrazione originale precedente le modifiche apportate da Toscanini per il Metropolitan e, il 7 dicembre 2017, la prima versione di Madama Butterfly. Questa nuova produzione di Manon Lescaut, con la regia di David Pountney che ha recentemente firmato alla Scala Francesca da Rimini di Zandonai, ripropone la prima versione dell’opera, andata in scena a Torino nel 1893. Tra le numerose differenze rispetto alla versione corrente spicca il concertato del Finale primo, espunto prima dell’esordio scaligero nel 1894, in cui Puccini fa sfoggio di uno sbalorditivo virtuosismo orchestrale. Chailly, che ne diresse la prima moderna a Lipsia nel 2008, lo porta per la prima volta alla Scala con un cast che comprende Maria José Siri, Marcelo Álvarez e Massimo Cavalletti.