Die Entführung aus dem Serail

18 Giu

Dal 17 Giugno al 1 Luglio 2017
Wolfgang Amadeus Mozart
Singspiel in due atti
Libretto Christoph Friedrich Bretzner, rielaborato da
Johann Gottlieb Stephanie d. J.
(Edizione Alkor-Baerenreiter, Kassel. Neue Mozart Ausgabe
a cura di Gerhard Croll; rappr. per l’Italia Casa Musicale
Sonzogno di Piero Ostali)

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Produzione Teatro alla Scala

In occasione dei 20 anni dalla scomparsa di Giorgio Strehler e in occasione dei 10 anni dalla scomparsa di Luciano Damiani


Durata spettacolo: 2 ore e 40 minuti inclusi intervalli

Direttore
Zubin Mehta
Regia
Giorgio Strehler
ripresa da Mattia Testi
Scene e costumi
Luciano Damiani
Scene riprese da Carla Ceravolo
Costumi ripresi da Sybille Ulsamer
Luci
Marco Filibeck
CAST
Konstanze
Lenneke Ruiten

Blonde
Sabine Devieilhe
Belmonte
Mauro Peter
Pedrillo
Maximilian Schmitt
Osmin
Tobias Kehrer
Selim
Cornelius Obonya
Servo Muto
Marco Merlini

Die Entführung aus dem serail di W.A.Mozart sarà trasmesso in diretta radiofonica da Rai Radio Tre il 17 giugno e in diretta televisiva su RAI 5 e cinematografica il 19 giugno (circuito all-opera.com).

2 Risposte to “Die Entführung aus dem Serail”

  1. Luca giugno 22, 2017 a 9:24 am #

    UNA MERAVIGLIA ASSOLUTA !
    GRAZIE MOZART ! GRAZIE STRELHER ! GRAZIE ZUBIN METHA !
    E CHE MERAVIGLIA DI CANTANTI !
    QUESTO SPETTACOLO RIMARRA’ IMMORTALE: COME LA CAPPELLA SISTINA !

  2. marco vizzardelli giugno 24, 2017 a 7:55 am #

    Questo allestimento, con questa direzione, attiene alla Storia dell’Arte, cioé delle Arti. E’ in se stesso capolavoro d’Arte, nell’insieme e in ogni particolare (il rumore sul palco delle perline dello strascico di Selim… è già poesia da solo). Si guarda e si ascolta con il fiato sospeso. Zubin Mehta, e tanto più il Mehta di questa fase, fa ben altro che dirigere. E’ “dentro” lo spettacolo, respira con lui, note e scena si corrispondono in maniera totale.
    Ottimo il cast, non faccio singoli nomi perché, in questo caso, la resa è corale.
    E felicissima la ripresa di Mattia Testi: proprio perché il suo lavoro su Strehler è stato magnifico, suggerirei solo, in corso di repliche, un piccolo ma significativo miglioramento. La famosa, magistrale battuta di Osmino, sulla scala e La Scala, risulta un po’ buttata via rispetto all’originale: infatti, alla mia replica il pubblico ha impiegato qualche istante a coglierla e gli interpreti hanno dovuto chiedere l’applauso. In Strehler-originale, Osmino era, in quel momento magico, giustamente plateale indicando scala e Scala e scandendo chiaramente il suo “ooooh, la scala!”. E veniva giù il teatro fra risata e applausi. Così ha da essere.
    Per il resto, un incanto rinnovato e una ripresa che rende onore a Mozart e a Strehler.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: